Home » CGIL » Il lavoro nel Turismo e nel Commercio. Anni 2015 e 2016

Il lavoro nel Turismo e nel Commercio. Anni 2015 e 2016

image_pdfimage_print

Rimini 14 dicembre 2016Analisi dei dati del territorio riminese relativi all’andamento della stagione estiva, alle richieste di Naspi e all’utilizzo dei Voucher.

Arrivi e presenze in aumento ma sotto la media nazionale; consumi e occupazione col segno meno, unica voce in forte crescita sono i voucher. Questa mattina nel corso di una conferenza stampa convocata per fare il punto su Lavoro e Turismo, i segretari generali Cgil e Filcams di Rimini Graziano Urbinati e Isabella Pavolucci hanno posto l’accento su quella che ormai sembra una cronica tendenza dell’industria turistica riminese, proporre un turismo povero associato a un lavoro povero.

Alcuni dati sull’utilizzo dei voucher nella provincia di Rimini

2015: 1.592.217

al 31/10/2016: 1.850.685 di cui 521.650 nel turismo, 129.081 nei servizi, 306.681 nel commercio.

Se lo scorso anno i voucher venivano utilizzati a inizio e fine stagione mentre nei due mesi centrali di luglio e agosto le assunzioni erano a contratto, ora in molti casi i voucher coprono tutto il lavoro estivo. “Pertanto si può dire – ha dichiarato Isabella Pavolucci – che il lavoro accessorio ha sostituito il lavoro subordinato”.

Lavorare con i voucher oltre a ledere la dignità del lavoratore, oltre a procurargli un danno economico, assistenziale, previdenziale personale, incide negativamente su tutta la società anche perché venendo meno il pagamento dei contributi il sistema previdenziale viene impoverito a danno di tutti. La Cgil ha raccolto le firme (14.000 solo a Rimini) per l’abolizione dei voucher e il referendum potrebbe tenersi già in primavera.

Lavoro povero

Purtroppo da quando i Centri per l’impiego sono stati sguarniti per effetto del riordino istituzionale che ha lasciato le province in mezzo al guado, è sempre più difficile reperire alcune importanti informazioni relative alle assunzioni. Il dato disponibile attualmente infatti è fermo a giugno. Sappiamo però che le domande per l’indennità di disoccupazione sono calate passando dalle 31.779 del 2015 alle 25.521 del 2016 (fino al 22 novembre); considerando esclusivamente il periodo dal 1 settembre al 30 novembre 2015 ne sono state presentate 17.780 mentre nello stesso arco di tempo del 2016, 17.168. Un altro dato significativo è quello delle vertenze, in calo rispetto al 2015; infatti chi è senza contratto o lavora con i voucher non può rivendicare nessun diritto.

Commercio. Calano del 2-3 % le vendite

Tanti segni meno in un contesto che presenta molte incertezze dalla Bolkestein per il futuro della spiaggia e del Parco del mare, al sistema infrastrutturale che comprende aeroporto, collegamenti ferroviari, TRC fino al trasporto pubblico locale e alle difficoltà di spostamento interprovinciale sempre più accentuate.

La parola d’ordine per la Cgil è la riqualificazione del prodotto, a cominciare dagli alberghi che a Rimini sono gestiti dai proprietari per meno del 50%. E’ facile intuire a questo proposito quanto scarso possa essere in molti casi l’interesse a investire degli affittuari. Riqualificare significa in primo luogo mettere a norma gli immobili rispetto all’antisismica, significa valorizzare lavoro e professionalità. “Purtroppo – come ha tenuto a sottolineare il Segr. Graziano Urbinati – nell’hardware del sistema turistico locale manca il lavoro ciò che la Cgil vuole riportare al centro”.

 Ufficio stampa CGIL Rimini

VERIFICA ANCHE

Continua il tiro al bersaglio nei confronti dei pensionati. Da gennaio 2018 parte il nuovo calendario per l’accredito della pensione

Si dirà: cosa saranno mai 2 – 3 – 5 giorni di ritardo? E invece …