Home » BARRIERE ARCHITETTONICHE » “Progettare per una barriera invisibile: i ciechi e gli ipovedenti” – progetto Rimini SuperAbile

“Progettare per una barriera invisibile: i ciechi e gli ipovedenti” – progetto Rimini SuperAbile

image_pdfimage_print

“Progettare per una barriera invisibile: i ciechi e gli ipovedenti”. Se ne parlerà nell’ambito del progetto “Rimini SuperAbile”, lunedì 15 maggio 2017, dalle ore 9,00 alle ore 12,30 presso la Sala Bronzetti, al secondo piano della sede CGIL – via Caduti di Marzabotto n. 30.

E’ il secondo seminario informativo sulle barriere che incontrano i disabili. Il tema scelto in questa occasione è quello delle barriere sensoriali che interessano i ciechi e gli ipovedenti.

Muoversi in ambiente urbano senza l’utilizzo del senso della vista può presentare situazioni difficili e complesse. Sappiamo ora che progettare la città e gli spazi pubblici secondo alcune linee può rendere più semplici, gestibili e vivibili gli ambienti andando a favorire, di fatto, non solo la singola mobilità sicura, ma tutte quelle componenti dell’essere umano sottese a tutti noi.  

Tratterà l’argomento il Dott. Marco Fossati, Docente di Educazione Fisica e Tecnico C.I. Paralimpico, Istruttore di Orientamento e Mobilità e Autonomia Personale,  Educatore Tiflologico I.RI.FO.R. Nazionale (Istituto Ricerca, Formazione e Riabilitazione).

“Rimini SuperAbile”  è un progetto dello SPI CGIL Lega 3 – Marebello, coordinato dal Segretario di Lega Milena Benvenuti. Il progetto si realizza in collaborazione con Volontarimini, Unione dei Ciechi e degli Ipovedenti, Ente Nazionale Sordi, Associazione Pedalando e Camminando, le parrocchie Sacro Cuore di Gesù (Miramare), S.Antonio da Padova (Villaggio Nuovo), Cuore Immacolato di Maria (Bellariva), Mater Misericordiae (Via Abetti),  Santa Maria Annunziata (Colonnella) e diversi cittadini volontari, residenti nelle ex Circoscrizioni n. 2  e 3.

VERIFICA ANCHE

L’Orto coi nonni. Progetto dello SPI CGIL con l’Istituto Comprensivo di Miramare

“Scuola sostenibile, cittadino consapevole, comportamento responsabile”. Prosegue il progetto “L’Orto coi nonni” che coinvolge i …