Home » CATEGORIE » SPI » LIBERETA' » “Futuro. Non si dice, si fa” Festa nazionale di LiberEtà 2017: premiata la Lega 3 Marebello come Liberattiva

“Futuro. Non si dice, si fa” Festa nazionale di LiberEtà 2017: premiata la Lega 3 Marebello come Liberattiva

image_pdfimage_print

Dal 26 al 28 giugno 2017 si è tenuta a Milano “Futuro. Non si dice, si fa. Festa nazionale di Liberetà” la rivista mensile dello SPI CGIL dedicata ai pensionati.
Nella tre-giorni si è discusso di sviluppo delle periferie con gli esempi degli investimenti realizzati e in divenire dal comune di Milano, di come l’innovazione tecnologica cambia il mondo del lavoro in tempi velocissimi  e il conseguente ragionamento su come può e deve cambiare il modo di fare e di essere del Sindacato, ripensando un modo nuovo di essere rappresentativo del mondo del lavoro. Il “Patto per il lavoro” siglato in Emilia Romagna da sindacati, categorie e amministrazione regionale ne è un validissimo esempio da cui ripartire. Si è considerato il ruolo dello SPI CGIL e – come ha ribadito Susanna Camusso, Segretario Generale della CGIL parlando di inclusione e di qualità della vita: “ Non c’è inclusione se i diritti non sono in capo alle persone, e vale per il lavoro come vale per la sanità o per il sociale. Di vitale importanza  le sedi decentrate dello SPI CGIL che accolgono richieste,  danno risposte e assistono i cittadini rispondendo ai bisogni di corretto rapporto con la burocrazia e verifica dell’ottenimento dei propri diritti: una rete di servizi che non può essere ridotta, ma, al contrario, deve essere potenziata . Le leghe SPI sono un orecchio attento al territorio, ne individuano i bisogni sociali e sono la leva per soddisfarli. Occorre riorganizzare la continuità della militanza dalle categorie dagli attivi allo SPI in un nuovo “Progetto globale CGIL””.

Per i partecipanti è stata un’occasione davvero interessante per conoscere l’attività dello SPI CGIL lombardo, in particolare di Milano dove sono stati aperti diversi laboratori tecnico – progettuali nei quali i pensionati dello SPI mettono a disposizione dei cittadini le competenze acquisite nella vita lavorativa, per realizzare manufatti, oggetti di aiuto e sollievo per disturbi di salute o facilitatori per l’utilizzo quotidiano (ad esempio lo svita – tappi). Il pezzo da novanta per questi laboratori è la stampante 3D con la quale si può realizzare quasi di tutto. La cosa più interessante è che non vengono forniti ai cittadini gli oggetti realizzati ma si insegna loro a realizzarli autonomamente, trasmettendo la competenza operativa e progettuale.

Il 28 giugno ha visto la premiazione dei liberattivi cioè gli uomini e le donne che promuovono LiberEtà sul territorio nazionale. Per la nostra Regione eravamo in 28!  La Segretaria dello SPI CGIL Lega 3 Marebello di Rimini ha consegnato un attestato a Liberetà per testimoniare la validità del progetto editoriale. La Lega in questione, infatti  ha organizzato diversi incontri “ colazione e merenda in LiberEtà” per presentare la rivista, leggerne e commentarne i contenuti e cogliere l’occasione per discutere con i cittadini e informarli correttamente sulle novità del momento (la 14^ ad esempio). Tutto ciò è stato molto apprezzate dai presenti che hanno suggerito le parole qualificanti della rivista, riportate nell’attestato: Semplice  Futurista  Veloce Simpatica  Comprensibile  Leggibile  Ricca  Utile  Puntuale  Attraente  Acculturante  Interessante.

VERIFICA ANCHE

Appello al voto. La Regione resti il punto di riferimento che con il Patto per il lavoro è stata in questi ultimi 5 anni.

Comunicato stampa. Domenica 26 Gennaio le cittadine e i cittadini Emiliano Romagnoli si recheranno alle …