Home » CATEGORIE » FUNZIONE PUBBLICA » CASE DI CURA » Chiusura casa di riposo Villa Quick. Messi in sicurezza gli ospiti occorre trovare una soluzione per le lavoratrici

Chiusura casa di riposo Villa Quick. Messi in sicurezza gli ospiti occorre trovare una soluzione per le lavoratrici

image_pdfimage_print

Comunicato stampa. Bene la chiusura di Villa Quick. Ma il senso di responsabilità dimostrato dalle lavoratrici non può risolversi con la perdita di lavoro e il disinteresse delle Istituzioni.

Un’altra “sedicente” casa di riposo è stata chiusa. Non ci sono stati episodi di maltrattamenti, per fortuna, ma la situazione era in uno stato di degrado tale e le condizioni dei dipendenti talmente impossibili che la tragedia poteva verificarsi da un momento all’altro.

A Villa Quick di Riccione erano occupate 24 persone la quasi totalità donne ed erano ospitati circa 28 anziani di cui 8 casi sociali e gli altri non più del tutto autosufficienti.

Il 26 ottobre scorso, dopo un’assemblea con le lavoratrici, avevamo chiesto un intervento ispettivo e le segnalazioni sulle condizioni lavorative e sulla sicurezza erano state inviate dalla FP CGIL a tutte le autorità competenti: Prefetto, Sindaco, Ispettorato del Lavoro, Ausl, Inps, Vigili del Fuoco.

La denuncia riguardava due aspetti: uno contrattuale e l’altro relativo alle deficienze della struttura.

I dipendenti hanno ricevuto lo stipendio di settembre il 14 novembre e altre norme contrattuali sono state disattese; l’organico era insufficiente tanto che i turni notturni non venivano rispettati con la cadenza necessaria, mancavano anche le divise e adeguati dispositivi di sicurezza.

Per quanto riguarda la struttura erano stati segnalati alcuni letti rotti, l’intonaco cadente, problemi all’impianto idraulico ed elettrico e il non funzionamento del sistema antincendio. Una situazione di diffusa precarietà, conseguenza di una mancata manutenzione.

Oggi, 18 novembre, per effetto delle ispezioni dei Nas di Bologna e dall’Ausl Romagna – Dipartimento di Sanità Pubblica, il Sindaco di Riccione ha stabilito la chiusura di Villa Quick. Gli ospiti sono stati trasferiti altrove. Per i dipendenti rimasti senza lavoro e senza ammortizzatori di alcun tipo il futuro è ancora più buio.

Si poteva intervenire prima? Probabilmente sì tanto più che la casa di riposo ospitava anche pazienti inviati dall’Ausl. Il Sindaco plaude all’intervento delle forze ispettive, giusto, ma almeno una preoccupazione per la sorte delle lavoratrici e dei lavoratori della struttura, avrebbe potuto esprimerla. Professionale ed efficace, ha detto bene il Sindaco, il lavoro dei Carabinieri del Nas, dei medici e degli assistenti sociali dell’Ausl Romagna, altrettanto – diciamo noi – il lavoro, o meglio, la dedizione dimostrata dalle lavoratrici grazie alle quali il peggio che poteva accadere è stato evitato.

Come FP CGIL convocheremo subito un’assemblea dei dipendenti e insieme decideremo quale percorso intraprendere a tutela della loro situazione.

Ario Fabbri Segreteria FP CGIL Rimini

 

VERIFICA ANCHE

Per i dipendenti delle aziende artigiane aperto lo Sportello Artigiani CGIL Rimini

Anche per l’anno 2019, grazie all’azione delle Organizzazioni Sindacali dell’Emilia Romagna e attraverso l’Ente Bilaterale …