Home » CGIL » Vigili del Fuoco. Proclamato per il 21 Novembre lo sciopero della categoria da FP CGIL – FNS CISL – UIL Pa

Vigili del Fuoco. Proclamato per il 21 Novembre lo sciopero della categoria da FP CGIL – FNS CISL – UIL Pa

image_pdfimage_print

Comunicato stampa. A seguito del presidio effettuato in piazza Montecitorio a Roma lo scorso 15 novembre promosso da FP Cgil Vigili del Fuoco, Fns Cisl e Uil Pa Vigili del Fuoco per rivendicare interventi a favore dei componenti del corpo sui diritti e sul salario, è partita la mobilitazione unitaria dei Vigili del Fuoco che proseguirà il 21 novembre con la giornata nazionale di sciopero di quattro ore e con una protesta articolata di astensione dal lavoro lungo altrettante 4 giornate: 21 novembre dalle 16.00 alle 20.00, 02 dicembre dalle 10.00 alle 14.00, 12 dicembre dalle 16.00 alle 20.00 e 21 dicembre dalle 10,00 alle 14,00.

Le iniziative messe in  campo sono scaturite dalla vertenza unitaria dello scorso mese di giugno con cui abbiamo rappresentato ai Governi le problematiche che coinvolgono i Vigili del fuoco e il servizio da assicurare alla cittadinanza e poiché dette risposte non trovano il giusto riscontro nella legge di bilancio in discussione in Parlamento, CGIL CISL UIL VV.F. sono costrette a far sentire il grido di dolore dei Vigili del Fuoco a tutti i cittadini e a tutti i rappresentati del popolo in Parlamento.

Le nostra mobilitazione per ottenere risposte concrete su:

  • una valorizzazione effettiva dal punto di vista retributivo e previdenziale del lavoro, unico ed insostituibile, dei Vigili del Fuoco;

  • una maggior tutela e garanzia degli infortuni e delle malattie professionali tipiche del lavoro dei Vigili del Fuoco (non abbiamo l’assicurazione Inail);

  • un riconoscimento reale della specificità e dell’alta professionalità dei Vigili del Fuoco;

  • risorse adeguate per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto da ormai da un anno;

  • potenziamento degli organici del Corpo Nazionale finalizzato a diffondere il servizio sul territorio e a tutela della sicurezza dei Vigili del Fuoco. Dobbiamo raggiungere una dotazione organica di almeno 40 mila unità e nella legge di Bilancio non c’è nulla su questa necessità.

Le nostre mobilitazioni si inseriscono nel percorso di approvazione della legge di Bilancio, con l’obiettivo di introdurre nell’iter parlamentare quelle misure concrete per valorizzare la specificità dei Vigili del Fuoco, Il solo corpo nazionale capace di prestare soccorso in Italia ai cittadini.

Ed è per questo che rivendichiamo che la nostra specificità, il nostro lavoro, unico e insostituibile, sia adeguatamente riconosciuto, sul fronte del salario e dei diritti.

FP CGIL VVF – FNS CISL – UIL PA

VERIFICA ANCHE

Chiusura casa di riposo Villa Quick. Messi in sicurezza gli ospiti occorre trovare una soluzione per le lavoratrici

Comunicato stampa. Bene la chiusura di Villa Quick. Ma il senso di responsabilità dimostrato dalle …