1

Credit Agricole. Per il risarcimento degli azionisti continua la raccolta firme

Comunicato stampa. Dopo il successo dell’iniziativa di sabato 7 luglio in piazza Cavour che ha visto la partecipazione e l’adesione di tanti ex azionisti Carim, continua la raccolta firme presso gli uffici di Federconsumatori Rimini.

Federconsumatori Rimini ritiene che le proposte avanzate da Credit Agricole di acquisto delle azioni detenute dagli ex azionisti Carim siano sul piano economico inaccettabili e che la nuova banca debba prevedere un congruo risarcimento ai 7.000 piccoli azionisti che hanno di fatto pagato la crisi Carim.

Questa azione riguarda tutti gli ex azionisti Carim indipendentemente dall’adesione all’OPA Credit Agricole.

La raccolta firme è un appello al Presidente del Consiglio e al Governatore della Regione Emilia Romagna, affinchè sostengano con provvedimenti concreti il risarcimento ai piccoli azionisti Carim.

Federconsumatori si sta adoperando tramite un coinvolgimento dei Parlamentari e degli Amministatori per ottenere un incontro con la Presidenza del Consiglio e il Governatore Emilia – Romagna.

La raccolta firme continua presso gli uffici di Federconsumatori Rimini in via Caduti di Marzabotto n. 30 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 all 12.00.

 Enrico Pecorari Presidente di Federconsumatori Rimini




FEDERCONSUMATORI chiede a CREDIT AGRICOLE un risarcimento per gli azionisti CARIM

Per tutelare il risparmio tradito degli azionisti Carim, Federconsumatori Rimini intende chiedere al Gruppo Credit Agricole un incontro per ottenere un congruo “ristoro” per i piccoli azionisti, che hanno vanamente investito negli anni i loro risparmi.

Federconsumatori Rimini ritiene le proposte avanzate da Credit Agricole (Offerta Pubblica di Acquisto) inacettabili sul piano economico e chiede alla nuova Banca di stanziare un plafond risarcitorio a favore degli azionisti.

Tale iniziativa deve avere l’obiettivo di rendere ancora più solido il rapporto tra Cariparma Credit Agrico e la propria clientela e prevedere erogazioni risarcitorie a favore dei clienti azionisti, così come è avvenuto per altre banche.

Federconsumatori Rimini invita tutti gli azionisti Carim ad una assemblea che si terrà

SABATO 26 MAGGIO ORE 10.00

c/o SALONE CGIL RIMINI via CADUTI DI MARZABOTTO N. 30

Federconsumatori Rimini specifica che tale azione non esclude l’azione di carattere giuridico nei confronti della vecchia dirigenza Carim e invita gli azionisti a non sottoscrivere clausole che comportino rinunce ad eventuali future azioni risarcitorie e a richiedere presso le filiali un elenco chiaro e trasparente delle spese che si dovrebbero sostenere in caso di adesione all’OPA.




Cassa Risparmio Rimini, revocata assemblea soci. Cosa sta succedendo?

Comunicato stampa. Alla luce della revoca dell’Assemblea straordinaria dei soci, prevista in un’unica convocazione per il 25 luglio 2017, la CGIL e la FISAC di Rimini sono seriamente preoccupate e chiedono alla Fondazione e alla Banca di fare chiarezza.

Il fatto che un grande e solido gruppo bancario europeo sia interessato a rilevare la Cassa di Risparmio di Rimini è di importanza fondamentale, e ci auguriamo possa garantire una prospettiva concreta in termini economici e occupazionali per il territorio, che ha già sacrificato molti posti di lavoro.

La Banca dopo il commissariamento doveva ritornare in bonis, il peggio sembrava passato, invece siamo ancora qui in una situazione ancora confusa e senza risposte.

Le indiscrezioni vedono il futuro di Carim nell’orbita di Cariparma Credit Agricole, ma il continuo susseguirsi di rinvii non fanno altro che aumentare le incertezze.

Per questo chiediamo con forza che la Fondazione, maggior azionista di Cassa Risparmio Rimini, faccia una volte per tutte chiarezza davanti alla cittadinanza e dia delle risposte che possano salvaguardare gli interessi dei dipendenti, dei clienti e del territorio.

I Segretari Generali CGIL e FISAC CGIL Rimini

Graziano Urbinati e Andrea Valentini