Villa Salus sceglie di applicare il CCNL ANASTE. La mobilitazione dei lavoratori

L’assemblea dei lavoratori, all’unanimità, insieme alle scriventi Organizzazioni Sindacali, denuncia e rigetta la grave decisione di Villa Salus di procedere all’applicazione del rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro ANASTE, sottoscritto il 12 aprile 2017 da organizzazioni sindacali non rappresentative del settore.

Tale scelta, che strappa ai lavoratori diritti come: malattia, infortunio, malattia professionale, reperibilità, rol, con aumento dell’orario di lavoro, si dimostra scellerata e priva di riconoscimento dell’alta professionalità e dedizione che i lavoratori mettono tutti i giorni a disposizione degli ospiti contribuendo a definire l’alta qualità del servizio erogato dalla struttura.

Va detto inoltre che il nuovo CCNL ANASTE non riconosce la figura dell’OSS e che la Casa Residenza Anziani di Villa Salus è in accreditamento (5 anni + 5) e non ha subito tagli alle rette, dunque intervenire con simili decisioni significa speculare sui lavoratori.

Andare a privare i lavoratori di diritti fondamentali è vergognoso e non tollerabile.

Nel denunciare la scelta contrattuale di Villa Salus, le Organizzazioni sindacali di categoria CGIL CISL e UIL e i lavoratori tutti preannunciano ogni possibile percorso di mobilitazione fino ad arrivare allo sciopero se ciò si renderà necessario.

VERIFICA ANCHE

ADESSO BASTA! Sciopero generale: le piazze delle manifestazioni in Romagna

Venerdì 17 novembre sciopereranno in provincia di Rimini gli addetti dei settori pubblici, di scuola, trasporti, poste e dei servizi in appalto e strumentali delle committenze pubbliche e private e consorzi di bonifica. E’ prevista una manifestazione provinciale a Rimini dalle ore 10:00, con concentramento in Piazza Tre Martiri con successivo presidio davanti al Palazzo della Prefettura, a cui CGIL e UIL Rimini hanno chiesto di essere ricevute.