Liber(e)tà. Perchè abbonarsi al giornale dei pensionati SPI CGIL

Giovedì 18 maggio alle 9, con un bel gruppo di pensionati SPI CGIL (Sindacato Pensionati Italiani) ci siamo riuniti al Bar 92, via Siracusa 68 a Rimini, di fianco al Sindacato SPI CGIL –  lega 3 Marebello. Mentre facevamo colazione insieme, abbiamo esaminato, letto e discusso “Liberetà”, una rivista per pensionati davvero molto interessante che, nel numero di questo mese, descrive il progetto “Rimini In/SuperAbile” della Lega 3 Marebello. Abbiamo letto anche articoli delle scorse edizioni e abbiamo così condiviso l’idea che “Liberetà” è un giornale interessante, a misura di pensionato, che parla di tutto: notizie e personaggi del Nostro Paese e del nostro Sindacato a livello nazionale, informazioni burocratiche su scadenze e prassi che interessano i pensionati, le lotte e rivendicazioni che la CGIL porta avanti anche a livello locale, i progetti che sono realizzati sul territorio da parte dello SPI CGIL, informazioni sull’orto e le piante, giochi–passatempo ed oroscopo. La discussione è stata molto interessante soprattutto perché è stata un’occasione per avere informazioni da fonte sicura e per focalizzare  le conquiste e le posizioni / rivendicazioni della CGIL sia per i pensionati che per le categorie degli attivi.  Per tutti gli iscritti e per tutti gli altri chiediamo con forza che sia discussa in Parlamento la proposta di legge di iniziativa popolare “la Carta dei diritti universali del lavoro” per la quale abbiamo manifestato a Roma il 6 maggio 2017.

SPI CGIL Lega 3 – Marebello

VERIFICA ANCHE

Comune di Rimini: tassa dei rifiuti, le risorse disponibili vanno usate prevalentemente per ridurre gli aumenti sulle famiglie con fragilità sociali

Comune di Rimini: tassa dei rifiuti, le risorse disponibili vanno usate prevalentemente per ridurre gli aumenti sulle famiglie con fragilità sociali. Sul tema delle politiche tariffarie esistono nodi di fondo che riguardano ATERSIR ed ARERA, senza dimenticare il ruolo di HERA, ma il Comune di Rimini deve fare di più per contenere gli aumenti tariffari sulle fasce sociali più fragili.