Domenica 1° ottobre per la prima volta dalla loro inaugurazione, avvenuta nel 1912, le Officine Grandi Riparazioni apriranno le porte per uno spettacolo teatrale: “Work Express – Cent’anni di lavoro tra conquiste e treni persi”

Domenica 1° ottobre si chiude il 120° della Camera del Lavoro di Rimini – Per la prima volta dalla loro inaugurazione, avvenuta nel 1912, le Officine Grandi Riparazioni apriranno le porte per uno spettacolo teatrale: “Work Express – Cent’anni di lavoro tra conquiste e treni persi”. Sarà inoltre presentato il libro “120 anni della Camera del Lavoro di Rimini 1903-2023”. La giornata si chiuderà al Centro Sociale Autogestito Grotta Rossa con il concerto della band Khorakhané.

Work Express – Cent’anni di lavoro tra conquiste e treni persi: alle Officine il debutto dello spettacolo, nell’ambito della rassegna teatrale e musicale Le città visibili

Si chiude il 1° ottobre il 120° della Camera del Lavoro di Rimini: era proprio il 1° ottobre 1903 quando un gruppo di ferrovieri riminesi la istituì. Alle ore 10:00, nella cornice delle Officine Grandi Riparazioni (Rimini, viale Tripoli, 189) sarà possibile assistere allo spettacolo “Work Express – Cent’anni di lavoro tra conquiste e treni persi” di Riccardo Tabilio, con la regia di Michele Di Giacomo, in scena insieme a Tamara Balducci, Lorenzo Carpinelli e agli allievi delle classi 4L e 5S dell’Istituto Gobetti-De Gasperi di Morciano di Romagna, con il sostegno di CGIL Rimini. Lo spettacolo chiude l’undicesima edizione della rassegna teatrale e musicale Le citta visibili.

120 anni della Camera del Lavoro di Rimini 1903-2023

Al termine dello spettacolo “Work Express – Cent’anni di lavoro tra conquiste e treni persi”, sul palco delle Officine Grandi Riparazioni sarà presentato il volume edito da Futura ed appena pubblicato: “120 anni della Camera del Lavoro di Rimini – 1903-2023”, a cura di Maria Teresa Zangara, con prefazione di Maurizio Landini e con studi e ricerche di Gabriele Rodriguez, Elena Bianchi, Claudia Cicchetti, Alessandro Agnoletti, Walter Martinese. Sono trascorsi due decenni dalla prima edizione di questo libro. Erano cambiamenti epocali quelli raccontati nel 2003 in occasione del centenario della Camera del Lavoro di Rimini, lo sono altrettanto nel ventennio che ha aperto il XXI secolo quando tutti i fenomeni hanno subito una forte accelerazione. Il libro riporta anche un’approfondita cronologia degli eventi socio politici riminesi degli ultimi centoventi anni, numerose foto inedite ed un saggio sulla storia dell’industria locale. Le conclusioni della mattinata saranno affidate al Segretario generale della CGIL Maurizio Landini che si collegherà in videoconferenza con il pubblico delle Officine Grandi Riparazioni.

L’accesso alle Officine Grandi Riparazioni per assistere all’intero programma della mattina del 1° ottobre è gratuito ma è obbligatoria la prenotazione dal sito Internet www.lecittavisibili.com . È richiesto l’arrivo alla location dell’evento alle ore 9:00 e non oltre le ore 9:30.

Khorakhané in concerto

Chiuderà la giornata di domenica 1° ottobre il concerto della band Khorakhané alle ore 21:00 al CSA Grotta Rossa (Rimini, via della Lontra, 40), con ingresso gratuito nell’ambito di “CGIL Rimini in festa”. La festa inizierà con musica e stand gastronomici alle ore 20:00, con la collaborazione di Grotta Rossa CSA e Portapazienza (progetto che contribuisce alla lotta contro le mafie e per l’inclusione sociale di ragazze e ragazzi con fragilità). La cittadinanza è invitata a partecipare.

Il 120° della Camera del Lavoro di Rimini: un anno di eventi all’insegna della memoria, per la conoscenza del cammino democratico in provincia di Rimini

Volge al termine il programma del 120° della Camera del Lavoro che era stato presentato il 24 febbraio nell’ambito di un’iniziativa che si era conclusa una lectio magistralis del Prof. Luciano Canfora. Nel 2023 sono state promosse tre iniziative di approfondimento biografico, nell’ambito della rassegna “Dal Biennio rosso all’Autunno caldo – tre storie per per raccontare mezzo secolo di lotte per i diritti”, rispettivamente su Anna Pizzagalli, Giuseppe Giulietti ed infine Biagio Pedrizzi. Nel 2024 la Camera del Lavoro darà alle stampe una pubblicazione su queste biografie, approfondite e riscoperte grazie alle ricerche storiche di Andrea Montemaggi, Gianluca Calbucci e con la collaborazione dell’Istituto per la storia della Resistenza e dell’Italia contemporanea della provincia di Rimini. Nell’ambito di un percorso di valorizzazione del proprio patrimonio archivistico, la Camera del Lavoro di Rimini, grazie al suo Archivio Storico, dal 6 aprile al 1 maggio ha anche organizzato la mostra: “iMateriali Immateriali”. Nelle sale della Galleria dell’Immagine, la mostra ha consentito a centinaia di visitatori di approfondire alcuni aspetti e curiosità della storia della CGIL di Rimini. Quest’anno la Camera del Lavoro di Rimini ha tessuto un importante rapporto con l’Istituto Gobetti-De Gasperi di Morciano di Romagna, nell’ambito delle iniziative per la diffusione della cultura della sicurezza sul lavoro e per la lotta contro l’amianto. Da questo punto di vista è stata fondamentale la collaborazione con AFeVA (Associazione familiari e vittime amianto) grazie alla quale numerosi studenti hanno potuto – tra l’altro – visitare il museo OGR all’interno dell’Assemblea Legislativa Emilia-Romagna, accolti dalla Presidente Emma Petitti. Da ultimo, in tema di arte, l’inaugurazione di ECO: l’opera dello Street artist Jodypinge realizzata sulla facciata nord della Camera del Lavoro di Rimini, inaugurata il 21 settembre e frutto di una selezione tra progetti di 14 Street artist da tutta Italia. Tutte le opere saranno esposte su tela domenica 1° ottobre all’interno delle Officine Grandi Riparazioni, in modo da poter essere ammirate dal pubblico.

Rimini, 26/9/2023 Camera del Lavoro Territoriale – CGIL Rimini

VERIFICA ANCHE

ALLARME CALDO: SI ATTIVI LA CASSA INTEGRAZIONE

FILLEA CGIL RIMINI – FILCA CISL ROMAGNA – FENEAL UIL RIMINI chiedono di attivare in tutte le imprese di costruzioni la cassa integrazione nei casi previsti dalle normative annunciando che partiranno opportuni solleciti tramite PEC alle aziende edili della provincia di Rimini.