FIOM CGIL Rimini e FULI – CSdL di San Marino hanno organizzato una giornata di confronto e dibattito tra i propri delegati sindacali negli stabilimenti SCM Group Spa in Italia ed a San Marino

L’incontro nasce dalla crescente consapevolezza che uno scambio di informazioni tra le organizzazioni sindacali possa determinare un arricchimento reciproco e possibili cooperazioni su problemi comuni

Giovedì 30 novembre presso la Camera del Lavoro Territoriale di Rimini si sono incontrati i delegati di SCM degli stabilimenti di Rimini, Thiene e Sinalunga coordinati dal Segretario Generale FIOM Rimini Daniele Baiesi, con i delegati degli stabilimenti di San Marino della Elettronica Sammarinese, Minimax e Steelmec coordinati dal Segretario di Federazione FULI- CSdL Agostino D’Antonio; presente anche il coordinatore nazionale e neo eletto Segretario Generale FIOM CGIL Emilia- Romagna Gianni Cutugno.

Il gruppo industriale SCM Group S.p.A. è tra i più importanti nell’ambito delle tecnologie per la lavorazione del legno e dei materiali compositi, presente in provincia di Rimini con sei stabilimenti e circa 1500 dipendenti mentre a San Marino consta di tre siti produttivi per un totale di circa 280 dipendenti; si tratta di insediamenti che a livello di gruppo sono interconnessi dal punto di vista amministrativo, organizzativo e gestionale.

In quest’ottica anche l’evoluzione degli assetti legislativi e del mercato del lavoro nei due Stati, assumono particolare interesse rispetto alle dinamiche gestionali e produttive infragruppo.

La giornata di scambio di esperienze e di informazione rispetto alle proprie realtà ha permesso di fare un primo passo rispetto ad un percorso di collaborazione che, fermo restando le peculiarità territoriali e contrattuali, andrà consolidato anche in virtù dello sviluppo di strategie comuni e solidarietà tra lavoratrici e lavoratori, delegate e delegati.

Rimini/San Marino, 05/12/2023

FIOM CGIL RIMINI – FULI /CSdL SAN MARINO

VERIFICA ANCHE

Il crollo avvenuto nel cantiere per la costruzione di un supermercato a Firenze è l’ennesima tragedia insopportabile di morte sul lavoro, di cui ancora, a ore di distanza, non è chiara la dimensione

Il crollo avvenuto nel cantiere per la costruzione di un supermercato a Firenze è l’ennesima tragedia insopportabile di morte sul lavoro, di cui ancora, a ore di distanza, non è chiara la dimensione.