Fontanot S.p.A.: senza il ritiro dei licenziamenti ci saranno nuove iniziative di mobilitazione

Fontanot S.p.A.: senza il ritiro dei licenziamenti ci saranno nuove iniziative di mobilitazione

Al presidio davanti all’azienda la solidarietà della Consigliera provinciale con delega al lavoro Alice Parma

Mercoledì 31 gennaio i lavoratori Fontanot S.p.A. si sono dati appuntamento davanti ai cancelli dello stabilimento produttivo di Cerasolo Ausa, insieme ai vertici locali e regionali di CGIL-CISL-UIL e delle categorie del sindacali dei lavoratori del legno. La protesta, che ha visto anche la presenza della Consigliera provinciale con delega al lavoro Alice Parma, è stata organizzata per chiedere che si avvii con urgenza la procedura per la CIGS (cassa integrazione guadagni straordinaria) per cessazione attività, tentando di salvaguardare azienda ed occupazione con la messa all’asta dell’intero complesso aziendale.

NO ai licenziamenti: la richiesta di sindacati ed istituzioni / Al microfono, davanti ai manifestanti, si sono alternati i Segretari Generali FILLEA CGIL Emilia-Romagna e Rimini Renzo Crociati e Giuseppe Ledda, la Segretaria generale CGIL Rimini Francesca Lilla Parco, il Segretario FILCA CISL Romagna Roberto Casanova ed il Delegato sindacale della Fontanot S.p.A. Mauro D’Accardi. I rappresentanti sindacali hanno denunciato come la decisione del Curatore e la posizione del Giudice delegato rappresentino un grave precedente, mentre è prioritario salvaguardare i diritti dei lavoratori e delle famiglie contro i rischi di potenziali speculazioni a danno del lavoro. La Consigliera provinciale con delega al lavoro Alice Parma intervenendo, ha sottolineato l’urgenza di rispettare gli intenti del Patto regionale per il Lavoro ed il Clima, scongiurando i licenziamenti e mettendo al primo posto la salvaguardia del tessuto produttivo territoriale nel suo complesso. Tutti hanno stigmatizzato il fatto che, a fare le spese di questa situazione, siano proprio i lavoratori; quelli che con gli stivali e senza sosta hanno spalato il fango per salvare l’azienda, dopo l’alluvione di maggio 2023.

Nel frattempo, nonostante le richieste dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali, il Curatore ha implacabilmente aperto la procedura di licenziamento collettivo / Questa decisione rischia di lasciare in mezzo alla strada 37 famiglie; è infatti questo il loro destino senza gli strumenti di politiche attive che la Regione Emilia-Romagna si sarebbe resa disponibile a mettere in campo con il ritiro dei licenziamenti e l’apertura della CIGS.

Venerdì è previsto un incontro tra Organizzazioni Sindacali e Curatore, in quella sede saranno ribadite le ragioni dello stato di agitazione e si tenterà di scongiurare i licenziamenti con gli strumenti a disposizione, confermati dal Ministero del Lavoro e messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna.

Senza risposte positive la gravità della situazione porta a non escludere nuove iniziative di mobilitazione, inclusa la possibilità di una manifestazione con presidio davanti al Tribunale di Rimini.

Rimini 31/1/2024

FILLEA CGIL RIMINI – FILCA CISL ROMAGNA – FENEAL UIL RIMINI

FILLEA CGIL EMILIA ROMAGNA – FILCA CISL EMILIA ROMAGNA – FENEAL UIL EMILIA ROMAGNA

VERIFICA ANCHE

Emergenza sociale ed economica: anziani e gioco d’azzardo patologico nella provincia di Rimini

Emergenza sociale ed economica: anziani e gioco d’azzardo patologico nella provincia di Rimini: Un problema che affligge fasce sociali della popolazione già colpite dalla crisi dei redditi.