SCIOPERO GENERALE di giovedì 11 aprile: il comunicato stampa e le modalità di adesione in provincia di Rimini

CGIL Rimini – UIL Rimini: ORA BASTA!

Giovedì 11 aprile sciopero generale contro le morti sul lavoro, per ridurre le tasse su chi lavora o è in pensione e per un diverso modello nel fare impresa

Francesca Lilla Parco e Giuseppina Morolli

La CGIL e la UIL hanno indetto uno sciopero generale per il prossimo giovedì 11 aprile. L’astensione dal lavoro sarà di 4 ore al termine del turno per tutti i settori privati, ad eccezione dei settori dell’edilizia, legno, laterizi, lapidei e cemento, dove sarà di 8 ore. Nei settori dei grafici e delle telecomunicazioni, lo sciopero sarà invece nelle prime 4 ore di ogni turno.

Mobilitazione anche a Rimini

A Rimini, è previsto un presidio davanti alla Prefettura, in via IV Novembre, alle 17:00 di giovedì 11 aprile. Si invitano lavoratrici, lavoratori, pensionate e pensionati a partecipare alla mobilitazione ed al presidio.

Gli obbiettivi e le ragioni dello sciopero

1. ZERO MORTI SUL LAVORO

  • La salute e la sicurezza sul lavoro devono essere prioritarie per tutte le imprese;
  • Eliminare le leggi che hanno contribuito alla precarietà e frammentazione del lavoro nel corso degli anni;
  • Abolire il subappalto a cascata e garantire pari trattamento economico e normativo per i lavoratori di tutti gli appalti pubblici e privati;
  • Potenziare le attività di vigilanza e prevenzione attraverso nuove assunzioni nell’Ispettorato del Lavoro e nelle Aziende Sanitarie Locali;
  • Garantire formazione adeguata e continua per tutti i lavoratori;
  • Implementare una patente a punti per le aziende che non rispettano le norme di sicurezza;
  • Diritto dei lavoratori di eleggere i propri Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza in tutti i luoghi di lavoro;
  • Obbligo per le imprese di rispettare i CCNL firmati dalle organizzazioni rappresentative e le norme sulla sicurezza per accedere a finanziamenti/incentivi pubblici.

2. UNA GIUSTA RIFORMA FISCALE

  • Ridurre il peso fiscale sui lavoratori dipendenti e i pensionati e combattere l’evasione fiscale;
  • Rendere il sistema fiscale più progressivo abolendo la flat tax e estendendo la base imponibile dell’IRPEF a tutti i redditi;
  • Indicizzare le detrazioni da lavoro e da pensione all’inflazione reale e detassare gli aumenti contrattuali;
  • Utilizzare le risorse recuperate per finanziare sanità, istruzione, diritti sociali e investimenti pubblici.

3. UN NUOVO MODELLO SOCIALE E DI IMPRESA

  • Valorizzare il lavoro attraverso il rinnovo dei contratti nazionali e una legge sulla rappresentanza;
  • Priorità alla salute e al benessere della persona;
  • Promuovere un’occupazione stabile e non precaria;
  • Quota 41 e riforma delle pensioni in direzione di un sistema che garantisca meccanismi di flessibilità in uscita dal mondo del lavoro;
  • Rilancio degli investimenti pubblici e privati per innovare il sistema produttivo e raggiungere la piena occupazione, specialmente nel Mezzogiorno.


Rimini, 8/4/2024

CGIL RIMINI – UIL RIMINI

Francesca Lilla Parco – Giuseppina Morolli

_______________________________________

LE LOCANDINE SINDACALI

SETTORI EDILE E LEGNO

SETTORI IGIENE AMBIENTALE E SERVIZI FUNEBRI UTILITALIA

SETTORI GRAFICI E TLC

ALTRI SETTORI PRIVATI

VERIFICA ANCHE

Libere tutte, iniziativa della Provincia di Rimini con il sostegno della Regione Emilia-Romagna

Libere tutte, iniziativa della Provincia di Rimini con il sostegno della Regione Emilia-Romagna.